Gli Incredibili (Sacra Famiglia), I

Agiografie

Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

di Igor Scalisi Palminteri
a cura di Giusi Affronti

in mostra dal 25 febbraio al 25 marzo 2012 presso neu[nòi] spazio al lavoro

Per agiografia si intende il complesso delle testimonianze che costituiscono la memoria della vita di un santo e del culto a lui tributato: testi scritti, rappresentazioni iconografiche, epigrafi, monumenti. Con la mostra “AGIOGRAFIE – Storie mistiche. Eroine alternative” Igor Scalisi Palminteri propone, invece, la perpetuazione del ricordo e la promozione della venerazione di supereroi del tempo presente, personaggi del mondo delle fiabe, dei fumetti, del cinema e dei cartoons.

Igor Scalisi Palminteri trasfigura la sua collezione di statue di santi, acquistate avidamente nei mercati storici e nei mercatini rionali di Palermo, in personaggi di fantascienza: l’artista ridipinge le sculture sacre con colori acrilici dai toni sgargianti, ricopre i loro volti con maschere nere, trasforma le tradizionali vesti dagli opulenti panneggi in tute azzurre e volteggianti mantelli rossi.

La mostra è una pièces teatrale di santi ed eroi: un Superman altero (il fu San Giuseppe con bambino) con un giglio in mano accoglie gli spettatori; un Cristo dipinto ad olio su cartone stampato indossa un abito aracnide blu e rosso; Santa Rita (monaca agostiniana vissuta nel XV secolo, votata alla preghiera fino alla morte) veste i panni a stelle e a strisce di un’avvenente principessa amazzone, Wonder Woman; un Sant’Antonio con bambino interpretano il ruolo de Il gatto e la volpe, coppia di imbroglioni che ingannano Pinocchio nell’omonino romanzo di Carlo Collodi.

Un cast di icone e di figure, che diviene un luogo per scoprire i valori simbolici e culturali dei nostri eroi.

L’itinerario artistico di Igor Scalisi Palminteri echeggia di iconoclastia: lungi dall’utilizzo in accezione distruttiva del concetto di icona, una radicale lotta viene compiuta a favore di una iconografia religiosa anticonvenzionale. La santità non ha una esclusiva sede nei panni del martirio, ma può anche albergare nella fantasia, nella cultura “popular”. È l’artista che compie il miracolo.

Igor Scalisi Palminteri è nato a Palermo nel 1973. Diplomato in Pittura all’Accademia di Belle Arti di Palermo, è attivo dal 2001 con mostre personali e collettive a Palermo, Catania, Trapani, Salerno, Bologna, Norimberga, Düsseldorf. Insignito del premio per la migliore fotografia indetto dal Ministero per l’Alta Formazione Artistica e Musicale di Roma, conduce una ricerca che si esprime attraverso diversi linguaggi: pittura, scultura, fotografia e video. Nel 2011 è stato protagonista, insieme a Riccardo Brugnone, di “LORO”, originale omaggio a Giacomo Serpotta, in una mostra presso l’Oratorio di San Lorenzo di Palermo.

Nella sua opera il tema dell’identità, dell’alterità, intesa anche come santità, martirio, devozione, è analizzato con grande sensibilità, secondo un’ispirazione metafisica, sebbene le sue composizioni trovano forma nella figurazione di maniera.

 


Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>